Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2020

CREATIVI IN FILA: GRETA LIDDI E LUCIA MAGI

Immagine
Il sorriso di Greta Liddi e Lucia Magi illumina il giovedì della Fondazione: a una settimana dalla proclamazione, le vincitrici della Menzione Rolando del nostro contest Creativi in FILA ancora sprizzano entusiasmo da tutti i pori. Sbaragliando la concorrenza di oltre centotrenta opere, le ragazze hanno conquistato la giuria con un progetto di allestimento museale interattivo, che racconta le linee storiche FILA con un approccio minimale e coinvolgente. Le abbiamo intervistate per comprendere meglio le complessità della loro installazione, ma anche per scoprire i segreti di un team così affiatato. Nella presentazione del vostro lavoro si legge: “Ognuna di noi eccelle nell’ambito in cui l’altra è carente: formiamo la coppia perfetta”. Qual è il modus operandi del duo Liddi-Magi? Greta Liddi: io sono quella che ha le idee, parto sempre in quarta finché Lucia non mi riporta con i piedi per terra. Lei è quella specializzata in testi, ricerche e tabelle, sempre molto curati e approfonditi.

CAPITALE ITALIA: LA XIX SETTIMANA DELLA CULTURA D’IMPRESA

Immagine
“Tradizione è custodire il fuoco, non adorare le ceneri”, disse una volta il compositore ceco Gustav Mahler. È così: nell’anno dell’emergenza sanitaria che ci ha portato a ripensare il concetto di evento fisico, le realtà culturali ed imprenditoriali non possono soffermarsi troppo tempo su ciò che non è realizzabile. La vera sfida è tenere vivo quel fuoco studiando le modalità che consentono di individuare nuove vie percorribili. Sulla base di queste premesse Confindustria, in collaborazione con Museimpresa, lancia la XIX Settimana della Cultura d’Impresa, che dal 5 al 22 novembre vede gli enti associati protagonisti di una programmazione ricchissima, con oltre 130 talk, tour guidati e tavole rotonde rigorosamente online. Titolo dell’edizione è “CAPITALE ITALIA. La cultura imprenditoriale per la rinascita del Paese”, riflessione che porta al centro dell’attenzione il ruolo dell’impresa e dell’imprenditore, motori di innovazione, creatori di ricchezza, propulsori di benessere e coesion

MEET THE DESIGNER: PIERLUIGI ROLANDO - 5

Immagine
Come molti lavoratori nell’Italia post-boom economico, il manager Enrico Frachey ama lo sport e ne pratica diversi. Tra le varie discipline, prediletti sono il trekking e l’arrampicata. Colpito dai clamori di Wimbledon e all’indomani del successo di WHITE LINE, nel 1974 si convince che proprio una collezione dedicata a coloro che frequentano le montagne possa essere una nuova sfida per il marchio sportswear. Pierluigi Rolando inizia così a lavorare alla linea invernale, come sempre avvalendosi anche delle proprie conoscenze tecnologiche e tessili. Il primo step è l’elaborazione di un tessuto in lana garzata caldo, morbido al tatto e capace di intrappolare l’aria. Sono gli albori di Roc Neige, la linea destinata a mutare il nome nella storica WHITE ROCK. In Rolando la voglia di sperimentare è sempre più spinta, la montagna è una sfida che esige azzardo: così la lana ha fibre sempre più lunghe e spesse, con forti capacità di gestione dell’umidità esterna. I colori, puri e brillanti, sono